Parlare di confini può significare molte cose: ricostruire l'evolvere delle linee di demarcazione che separano le diverse entità politico-amministrative (Stati, regioni, province, altri enti territoriali, distretti giudiziari, ecc.) ma anche comprendere fino a che punto tali linee siano capaci di plasmare identità, agire sulla vita quotidiana delle popolazioni che vi si affacciano, modificarne comportamenti, quadri mentali, giudizi e pregiudizi e poi indagarne il valore simbolico, emozionale, il loro divenire spesso palcoscenico di riti a cavallo tra politica e religione.